NewsSocial

Utilizzo delle emoji sui social e impatto nelle conversazioni con i brand

di Pier Luca Santoro

Brandwatch ha analizzato l’utilizzo su Twitter delle emoji. La desk research “Emotion Report” analizza come le persone le utilizzino nelle conversazioni e come questo abbia influenzato e impattato sui brand, su aziende, enti, organizzazioni.

Le dieci emoji più popolari in assoluto sono:
Faccia con lacrime di gioia 😂
Emoji singhiozzante di pianto 😭
Volto sorridente con occhi a cuore 😍 – “Bello” e “carino” sono le parole più comuni che appaiono accanto a questa emoji
Cuore rosso ❤
Indice del rovescio che punta a destra 👉 – Viene spesso utilizzato per evidenziare collegamenti particolari nei tweet
Cuore Viola 💜 – L’emoji cuore viola è particolarmente popolare tra i fan di BTS e l’account ufficiale del gruppo lo twitta abbastanza spesso
Due cuori 💕 – “Happy” è la parola più comune usata in associazione con l’emoji a doppio cuore
Volto pensante – La faccia pensante spesso segue una domanda, o semplicemente esprime confusione
Mani giunte 🙏 – “Amore”, “buono” e “famiglia” sono tutte parole comuni ad esso associate ed è spesso usato per mostrare gratitudine

Più della metà degli emoji nella top 20 hanno una connotazione chiaramente positiva, che in un certo senso è incoraggiante di per sé.

Il predominio dei cuori mostra quanto l’amore è stato presente su Twitter, mentre l’emoji ancor più utilizzata, come abbiamo visto, significa risate.

Certo, Twitter non è sempre positivo. La top 20 include anche volti disinteressati, stanchi e piangenti – ovviamente negativi – così come l’emoji del fuoco, che spesso significa “insolenza brutale”. C’è molta positività, ma le prime 20 non sono senza lotta e conflitto. È un po’ come un microcosmo del mondo in generale. Qui è disponibile per eventuali ulteriori elaborazioni il dataset completo.

Esaminare in che modo le emozioni sono condivise online non solo ci dà un’idea di come le persone sentirsi su eventi, tendenze e attualità. Questo tipo di analisi può anche aggiungere contesto al monitoraggio della salute del brand o al controllo di interi comparti industriali, come vedremo.

Le emozioni dei consumatori possono descrivere come vanno le campagne di marketing o prevedere come andranno le crisi di comunicazione che influenzano i brand.

In linea con le ricerche passate sulla natura del customer service, servizi finanziari e compagnie aeree registrano il maggior numero di conversazioni, e relative emoji, con un sentimento di rabbia. I ristoranti hanno le conversazioni più disgustate di qualsiasi settore. Questo è probabilmente dovuto alla natura del settore. La TV è quella che registra le conversazioni più tristi, soprattutto per il motivo per cui le persone parlano spesso delle reti televisive quando fanno live-tweeting mentre guardano le trasmissioni televisive.

Il grafico seguente esamina tutti i comparti industriali presi in considerazione nel loro insieme, e mostra come le conversazioni su ciascun segmento si differenzi dalla media.

Il rapporto fornisce il dettaglio di ciascun segmento, di ogni comparto, preso in considerazione, consentendo di avere un benchmark rispetto alla propria posizione.
L’analisi delle emoji utilizzate nelle conversazioni sui social può essere un valido supporto, un’interessante integrazione alla “sentiment analysis”, consentendo così agli analisti di approfondire gli aspetti qualitativi delle conversazioni sui social, e fornendo di riflesso spunti di riflessione ed azione ai marketer.

Vuoi saperne di più?

Possiamo aiutare il tuo brand a comunicare le storie più rilevanti

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post comment