Eventi

Il boom improvviso dell’innovazione digitale. Cosa resterà di questa scossa tecnologica?

La puntata che inaugura il ciclo di eventi digitali Presagi della Factory ha messo sul tavolo della discussione un tema largamente affrontato durante l’emergenza Covid-19, quello dell’innovazione digitale.

La crisi ci ha ammonito sull’importanza di modernizzare dal punto di vista tecnologico il sistema società nel suo complesso e su più livelli ponendo particolare attenzione al mondo del lavoro e delle attività produttive. La digitalizzazione delle filiere, lo smartworking e la ridefinizione dei business models sono diventati in pochissimo tempo i temi caldi del dibattito aziendale e non solo.
Innovare, insomma, per poter reagire in modo efficace e restare produttivi, competitivi, uniti.
Ma ora che il peggio sembra passato, cosa resterà di questa scossa tecnologica?
A rispondere alla domanda offrendo un presagio sul futuro che ci aspetta, i due ospiti di questo primo appuntamento, Marco Moretti – Chief Information Officer di A2A – e Stefano Rebattoni – Vice President Enterprise Sales di IBM Italia – moderati da Andrea Frollà – esperto di economia digitale e giornalista freelance per Affari&Finanza de La Repubblica.
Il dibattito percorre un itinerario temporale che parte dal passato con l’obiettivo di evidenziare, nell’ottica di una critica costruttiva, i nervi scoperti di questa trasformazione digitale; prosegue poi nel presente, per individuare il miglior modo di affrontare lo scenario complesso in cui ci troviamo oggi; e si conclude con uno sguardo rivolto al futuro per tirare le somme di ciò che abbiamo vissuto immaginando ciò che ancora dobbiamo vivere.

Vi lasciamo al video dove poter vedere l’intervista completa e vi invitiamo a prendere parte al dibattito di #PresAGIfactory raccontandoci sui nostri canali social (Facebook, Linkedin, Instagram, YouTube) qual è stata la vostra scossa tecnologica.

Vuoi saperne di più?

Possiamo aiutare il tuo brand a comunicare le storie più rilevanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post comment